Crea sito

Guardiani Italiani: Intervista al fumettista Fabrizio De Fabritiis

Se l’eroismo è un modo efficace di rispondere alle difficoltà della vita, siamo circondati da una nuova mitologia fatta di personaggi come Superman o The Flash.

Lo spirito eroico è qualcosa di fortemente insito nella natura umana, ed è grazie a questa spinta che si trova spesso la forza di combattere le difficoltà.
Lo spirito eroico è quella spinta che aiuta gli uomini sin dalla notte dei tempi a superarsi.

Dalla pietas latina che si esprimeva in una perfetta aderenza ai doveri da compiere nei confronti dello stato, della famiglia e delle divinità e che vedeva protagonisti come Enea pronti alle grandi battaglie, sino ad arrivare ai giorni nostri, in cui gli eroi sono stati resi più fantasiosi ma non meno allettanti dalle produzioni cinematografiche e fumettistiche.

I fumetti e i libri fantasy hanno riportato nella modernità un mondo di valori eroici e di buoni sentimenti che oggi assolvono alla stessa funzione delle chanson de geste medievali: ispirare.

E oggi parliamo proprio di questo, tramite un intervista a due autori che si sono messi in gioco, portando l’eroismo in Italia..in un Italia che sta cercando di rialzarsi da un nemico invisibile, un nemico che ha colpito duro ..ma che, nonostante tutto, il popolo italiano non si arrende, lotta sempre, senza perdersi d’animo mai… e questo spirito Fabrizio e Chiara lo hanno portato nel mondo cartaceo…con i Guardiani Italiani!

Ciao Fabrizio e Chiara, benvenuti su Speedforcenerd.it!

Grazie e un saluto a tutti!

Guardiani Italiani è un’iniziativa veramente interessante, sopratutto sul panorama supereroistico italiano, ma come è nata l’idea?

Guardiani Italiani è un progetto supereroistico al 100% made in Italy, i cui protagonisti, sono supereroi che rappresentano città e regioni del territorio italiano. Il progetto è l’ultima espansione dell’universo narrativo della nostra casa editrice, la Emmetre Edizioni, denominato SUPERNOVA VERSE, di cui fanno già parte Capitan Nova, il nostro primo supereroe nato a luglio 2004, i supereroi europei Defenders of Europe e la saga superobotica di Romabot Centurion, ambientata nel futuro, anno 2233.

Tutte le serie sono ideate da Fabrizio De Fabritiis, conosciuto come Fumettista Esplosivo, coadiuvato da Chiara Mognetti.

I Guardiani Italiani, nello specifico, sono nati poco più di un anno fa. Per una serie di motivi, sia lavorativi che personali, sopratutto la nascita di nostro figlio Dante, abbiamo dovuto per qualche anno, mettere in pausa le pubblicazioni della nostra casa Editrice perché non avevamo proprio il tempo per lavorare ad esse.

Quando abbiamo ripreso in mano le fila delle serie rimaste ferme, a cominciare da Romabot Centurion, di cui abbiamo da poco portato a termine l’ultimo volume, l’intenzione era poi quella di continuare anche la miniserie del Defenders Europe, di cui per ora sono usciti due numeri e l’edizione americana del primo numero.

Ma, quasi per caso e per complicarci ulteriormente la vita, a un certo abbiamo pensato: “Perché non creiamo supereroi per tutta l’italia?

Abbiamo già Capitan Nova, Lady Venezia, Dottor Torino, Comandante Italia e altri, sarebbe bello creare eroi per tutto il Paese! Possiamo chiamarli “Guardiani Italiani”, riprendendo il termine Guardiani con cui vengono identificati i Superobot di Romabot Centurion a salvaguardia dell’umanità…”. E da qui è nata la nuova e entusiasmante avventura di Guardiani Italiani!

Il punto è che, appena presentato ufficialmente il primo personaggio, Milanoman, sui social abbiamo da subito avuto un notevole apprezzamento e una crescita piuttosto rapida di follower e fan, al punto che abbiamo dovuto continuare a presentare i nuovi personaggi e puntare sul progetto che, nell’idea iniziale, doveva essere collaterale ai Defenders e crescere piano, piano , ma così non è stato.. A breve, comunque, riprenderemo a lavorare anche sul terzo episodio dei supereroi europei di cui fanno parte anche 2 Guardiani Italiani, i già famosi Capitan Nova e Comandante Italia!

Ogni supereroe ha una propria storia, spulciando tra le vostre schede, ho notato molti eroi dalle caratteristiche interessanti… essendo di Genova, non ho potuto non apprezzare “La Lanterna”. Una storia intrigante e ricca di dettagli storici su Genova, immagino che per ogni eroe che avete creato, abbiate studiato in maniera approfondita la storia del proprio paese, vi siete anche rivolti ad uno storico?

No, non ci siamo rivolti a nessuna figura, né tanto meno a uno storico. Siamo, da sempre, affascinati da miti e leggende, soprattutto italiane. Da tempo i nostri viaggi in Italia sono spesso indirizzati a scoprire luoghi e miti del nostro paese.

Siamo una coppia, sposata ora, e quando eravamo fidanzati una delle nostre prime uscite fu un’avventura nel castello stregato di Cannero, un suggestivo rudere che si erge su un isolotto nel Lago Maggiore e di notte diventa davvero lugubre.

Quindi, ci siamo trovati subito in sintonia su questi aspetti. Ci piace questo genere di scoperte a cui stiamo abituando anche nostro figlio Dante portandolo con noi alla scoperta di luoghi affascinanti e misteriosi della nostra bella penisola.

Con Guardiani Italiani non abbiamo fatto altro che riversare questa nostra passione nelle back story dei personaggi arrivando a scoprire, a seguito delle varie ricerche, anche aspetti e collegamenti tra alcune leggende che ci hanno lasciati meravigliati e che noi stessi non conoscevamo!

L’italia è un luogo ricco di tradizioni, miti, leggende e folclore, nonché di città e territori fantastici e si adatta perfettamente come patria del supereroistico con supereroi che prendono le caratteristiche dai luoghi in cui nascono. Che poi è lo stesso che hanno fatto con Spiderman, tanto per fare un esempio. La città di New York è un albero tecnologico che si dirama verso l’altro e il ragno, che da i poteri a Peter, è modificato geneticamente o con le radiazioni ed è quindi sempre un prodotto di quella scienza e tecnologia che modella la Grande Mela. Cosa ne viene fuori? Spiderman, il ragno che usa le sue ragnatele per spostarsi nell’intricata rete di rami che sono appunto i grattacieli.

Quindi, ogni personaggio è legato a un territorio, noi abbiamo fatto lo stesso con i miti greci e europei, nonché italiani, che narrano di dei, semi dei, eroi e guerrieri, da cui gli stessi autori americani hanno preso per creare il proprio pantheon supereroistico, ma, a ben vedere, quei miti appartengono più a noi che a loro, allora perché dovevi rinunciare?

Tutti questi aspetti sono notevoli spunti narrativi per il supereroistico “made in Italy!”. D’altronde, in tutto il mondo ci sono produzioni con supereroi giapponesi, russi, africani, mediorientali, coreani, inglesi e via dicendo… ora anche l’Italia avrà sempre più supereroi.

La vendita è tuttora ancora on line oppure si pensa che in futuro anche fumetterie e librerie possano disporre di queste vostre opere?

Per ora le nostre pubblicazioni sono disponibili solo online sul nostro store https://emmetre-edizioni.simply.site/ e negli eventi cui saremo presenti, purtroppo pochi quest’anno vista l’emergenza in corso.

Il prossimo evento cui saremo presenti come ospiti, sarà San Marino Comics il 28-29-30 agosto, a San Marino appunto, dove presenteremo ufficialmente la pubblicazione di NOVARYEN – Il Ritorno del Cavaliere Nova, una versione alternativa di Capitan Nova, ambientata in un universo alternativo, uscita a puntate sui magazine e ora invece ristampata completamente il un albo di 36 pagine a colori più copertina. 

Per il discorso fumetterie, stiamo studiando un sistema di distribuzione che ci permetta di distribuire direttamente ai negozi interessate, con vantaggi economici per tutti, bypassando i distributori classici con cui in passato abbiamo avuto non pochi problemi.

Sarà un discorso che partirà molto probabilmente in autunno inoltrato.

In che formato escono i fumetti? Ogni quanto escono? Si può seguire la storia esclusivamente di un personaggio (questa è una domanda a cui sono più interessato io per seguire le gesti de La Lanterna 🙂 )?

Di Guardiani Italiani, per ora, è disponibile l’Artbook ORIGINI, finanziato tramite la campagna di preordine con crowdfunding su Eppela conclusasi il 4 novembre 2019 con 155 sostenitori e il 150% del budget che avevamo stabilito, un vero successo per un progetto nato pochi mesi prima e per un artbook!

Ora stiamo lavorando alla prima parte del fumetto, che sarà una storia complessa, piena di sorprese, molta azione, cambi e colpi di scena, e quel pizzico di humor che contraddistingue le nostre produzioni, dove compariranno tutti i Guardiani.

La storia sarà divisa in 3 volumi da 80 pagine ciascuno, tutte a colori, brossurati, di formato 17×24 cm come l’Artbook. Non ci sarà una cadenza precisa, diciamo che, comunque, per i tre volumi, prevediamo un’uscita quadrimestrale. Anche per il fumetto prevediamo il preordine con crowdfunding, lanceremo la campagna il 25 settembre 2020, esattamente un anno dopo il lancio della campagna dell’Artbook… visto che ha portato fortuna, abbiamo deciso di scegliere la stessa data!

Ci saranno molti vantaggi economici nel preordinare e ricompense esclusive, quindi converrà molto. E, per rispondere anche alla seconda parte della tua domanda, per il crowdfunding del fumetto se raggiungeremo il primo stretch goal, tutti avranno come ulteriore ricompensa l’Artbook dei villain e l’albo speciale con una storia della Legio X per il secondo Stretch Goal.

In futuro sicuramente svilupperemo storie monografiche per diversi guardiani, Pensiamo di iniziare con Bandito, perché ci da la possibilità di cimentarci con il genere western che Fabrizio adora, e poi altri, sicuramente anche LA LANTERNA sarà fra questi.

Ci raccontate, regalandoci qualche chicca inedita, nei limiti dello spoiler, cosa ci riservano le avventure dei Guardiani?

Possiamo iniziare con il dire che, oltre al fumetto a settembre ci saranno altre importantissime novità. Lanceremo il singolo e il video della canzone “GUARDIANI ITALIANI” insieme alla rock band CRISTONI D’AVENA che ha realizzato un pezzo veramente potente e trainante! Poi presenteremo il primo libro game digitale, per l’editore Infinity Mundy, con protagonisti Comandate Italia e Fiamma D’Acciaio.

Per quanto riguarda il fumetto, non vogliamo spoilerare nulla, ma ti possiamo dire che vedere supereroi del calibro dei nostri Guardiani destreggiarsi e combattere i nemici nelle città, luoghi, palazzi e territori che l’Italia offre è qualcosa di veramente potente e affascinante!

Il tutto reso magistralmente dagli straordinari disegni di Eduardo Mello e i colori di Michela Tufano e Diana Laudando. Fabrizio, in particolare, ha la capacità di inserire nelle proprie storie situazioni e evoluzioni che sfruttano le caratteristiche dei personaggi e i particolari caratteriali.

Niente è come sembra in Guardiani e tutto può mutare da un momento all’altro. Alcune di queste scene e situazioni, inoltre, saranno determinate dai luoghi e dalle caratteristiche degli stessi.

Una tavola con protagonista Dan a bordo del suo General V-Nova, con la primissima immagine dell’arrivo di Remo Mariani e del suo ROMABOT CENTURION!

Quali sono i vostri autori preferiti e le fonti d’ispirazione da cui avete maggiormente attinto per creare l’universo dei Guardiani Italiani?

Abbiamo scelto volutamente di creare alcuni personaggi che omaggiassero i miti della nostra infanzia, tanti per poterli elencare, e ogni caratterizzazione sfrutta alcuni di questi elementi presi da particolari tipologie di personaggi, per essere adattati alle caratteristiche e alle leggende dei luoghi di provenienza.

Possiamo pensare alla LEGIO X, ad esempio, che strizza l’occhio a Hokuto No Ken (Ken il Guerriero), ma che va a scavare nella mitologia e nelle arti marziali che non sono prerogativa solo dell’oriente, ma che esistono in tutto il mondo.

Il termine stesso arte marziale deriva dal Dio Marte e con Pretorian, il successore dell’antichissima arte nata dalla leggendaria legione di Cesare, abbiamo proprio creato un’arte marziale inventata ma che si basa

sugli stili di combattimento gladiatori della Roma Imperiale. Per altri personaggi abbiamo scavato anche su caratteristiche simili a quelle delle figure guerriere di altri paesi.

Ad esempio, con SA BISERA, che si rifà alla terribile figura della accabadora sarda, ma che ne amplia le caratteristiche di base andando a sovrapporsi alle antiche figure degli shardana e quindi parliamo di guerrieri e ne è venuto fuori un personaggio femminile davvero accattivante, originale e che, volendo fare un parallelo, potrebbe ricordare i ninja giapponesi, ma con caratteristiche del tutto nostrane! Alcuni autori, comunque, negli anni si sono complimentati con noi per i nostri progetti e questo, di rimando alle nostre ispirazioni, è un bellissimo attestato di stima al nostro lavoro.

Pensiamo ad esempio a Masami Suda, character designer dell’anime di Ken, che anni fa si complimentò attraverso il forum di “199X Hokuto no Ken” con Fabrizio per il suo stile e in particolare per Capitan Nova che riteneva avesse in sé caratteristiche degli anime giapponesi. Proprio qualche mese fa abbiamo fatto uscire l’albo dal titolo General V-Nova, un fumetto con protagonista Dan, il pilota del Generale, che da sempre strizza l’occhio agli anime giapponesi a partire dal colore bizzarro dei capelli, ma che proprio in questa uscita omaggia quel particolare tratto e la serie animata di Ken.

Ci fu anche Claudio Castellini che ci omaggiò con un’illustrazione fantastica proprio di Capitan Nova.

Girando sui social, abbiamo trovato tanti hater pronti a screditare il vostro lavoro fatto di passione e sacrifici, cosa rispondete a queste persone?

Sì, ci sono stati diversi attacchi al nostro lavoro. Molti di questi hater ci seguono ormai da più di un anno, arrivando a farsi anche profili falsi per poter postare commenti di discredito sulla pagina di guardiani.

Sinceramente, non riesco a capire cosa possa spingere una tale insistenza e poi con questo impeto, ma ne prendo atto, esiste.

Abbiamo già risposto a diversi hater, ma le risposte ovviamente si perdono e non vengono neppure lette o capite. E’ una cosa che non si può controllare, anzi cercando di rispondere un hater ti porterà sempre a un passo più in là, costringendoti poi ad adeguare modi e risposte agli attacchi sempre più insistenti.

Proprio qualche giorno fa, prima di questa intervista, abbiamo quindi deciso di non rispondere più agli attacchi e di continuare per la nostra strada, come abbiamo già fatto in passato.

Creare storie e fumetti per i nostri fan è un lavoro che richiede sacrificio ma che ci diverte tantissimo e la passione e il divertimento sono alla base di tutta la nostra produzione, delle nostre collaborazioni e alla rete di amici e fan che dal lontano 2004 e anche prima fa parte della nostra vita.

A questo si aggiunge il fenomeno degli attacchi, ma gli hater non puoi controllarli, quindi perché preoccuparsene?

Abbiamo altro a cui pensare e gli attestati di stima al nostro impegno non sono mancati in questi 16 anni.

Ora anche nostro figlio Dante di 4 anni è diventato nostro fan e conosce per nome quasi tutti i Guardiani… anzi, proprio a lui è dedicato il Guardiano di nome “Dante”, un bel regalo per il nostro bambino.

Siamo arrivati alla fine dell’intervista, mi sono divertito davvero tanto, siete stati molto gentili, disponibili e siete molto professionali. Io vi ringrazio e spero in una prossima intervista 😊

Per chi volesse seguirli (e ve lo consiglio vivamente), potete farlo sulla loro pagina facebook ufficiale Guardiani Italiani, dove troverete notizie, informazioni e curiosità sul mondo dei nostrani Supereroi.

🇮🇹 LA MAPPA DEI SUPEREROI ITALIANI ” GUARDIANI ITALIANI “🇮🇹

Qui di seguito, troverete anche altri contatti social dove potrete seguirli:

INSTAGRAM: https://www.instagram.com/guardianiitaliani/
CANALE TELEGRAM https://t.me/guardianitaliani
GRUPPO FACEBOOK https://www.facebook.com/groups/391540748122252/

(Visited 303 times, 1 visits today)
Pasquale Rasoli

Pasquale Rasoli

Nato a Cosenza il 20 Giugno dell’85 e residente a Genova da 26 anni. Con i fumetti ho imparato a leggere. Tutto è cominciato da lì. Sfogliando i vecchi fumetti della collana Oscar Mondadori, dedicati a personaggi dei fumetti degli anni ’50 e ho cominciato ad appassionarmi sin da subito allo stile del compianto Mort Walker. Crescendo, la passione per i fumetti mi ha spinto a conoscere sempre piu’ generi. Avrò avuto circa dieci anni, quando ho sfogliato il mio primo fumetto su Plastic Man della DC Comics, Tex della Sergio Bonelli Editore e il manga Go Ga Sha-Le Storie di Go Nagai. Generi e stili completamente diversi che mi hanno appassionato nel corso degli anni, e che continuano ad appassionarmi. La passione, sopratutto per il genere supereroistico americano della DC Comics e per i manga, mi hanno portato a trasmettere le mie conoscenze tramite riviste, introduzioni di fumetti, social network e le varie piattaforme web.