Crea sito

Consigli su come scrivere la recensione di un manga/fumetto

Ultimamente impazza per il web la “moda” di recensire qualsiasi cosa si abbia visto o letto di recente. Ma come si fa a scrivere una buona recensione?  

Di seguito noi di Speedforcenerd.it vi proponiamo alcune indicazioni per scrivere una recensione il più possibile esauriente e completa. Si tratta di semplici suggerimenti, non prescrizioni da seguire rigorosamente alla lettera. Spero possano essere d’aiuto per chi volesse scrivere una recensione su qualcosa visto/letto ma non sa come muoversi.

Qual è lo scopo di una recensione?

Un’opera si recensisce principalmente per farla conoscere. Nel dare i propri giudizi si cerca di essere oggettivi, lasciando per ultime le proprie considerazioni più personali, e coerenti con la tipologia di opera, analizzandola seguendo certi criteri e motivando quanto viene detto. Che l’opera piaccia o meno al recensore, l’importante è cercare di analizzarla totalmente evidenziando sia pregi che difetti. Starà ai lettori interpretare quanto detto nella recensione per formarsi un’opinione propria a riguardo, grazie alle valutazioni e alle considerazioni personali espresse.
Si può anche recensire per proporre una riflessione sull’opera, dando il via ad un dibattito. Siamo in un forum, e se altri, dopo aver letto la recensione, decidono di intervenire in risposta per dare suggerimenti, critiche, o anche solo dare la propria opinione, tutto ciò non può che essere di arricchimento.

Quali sono i punti più importanti da “toccare” in una recensione?

Innanzitutto vanno date alcune informazioni generali sull’opera che si vuole valutare:

  • il titolo in italiano (con indicazione del titolo originale se l’opera è straniera, e in caso di opera giapponese il titolo originale va indicato con trascrizione in rōmaji e kanji);
  • l’autore o gli autori 
  • Se si tratta di un’opera in corso oppure completa
  • L’editore e/o la rivista su cui appare il manga

● In che misura occorre riassumere/ spiegare la trama dell’opera?
Ci sono due possibilità: si può riassumere la trama complessiva dell’opera, oppure limitarsi a fornire un breve incipit del suo inizio.
In entrambi i casi però, andrebbero evitati gli spoiler, o, se proprio non è possibile farne a meno, si devono opportunamente segnalare (usando lo strumento “spoiler” del forum, o in altro modo chiaro).

Come si analizza l’opera?

In base all’opera di cui si sta scrivendo, vanno scelti alcuni criteri con cui analizzarla. Di seguito diamo alcuni esempi divisi per categoria

  • lo stile di disegno (realistico/irrealistico, dinamico/statico, ricco di dettagli/essenziale, pulito e netto/confusionario, ecc.);
  • la caratterizzazione dei personaggi 
  • lo sviluppo della trama (il modo in cui si sviluppa, e il modo in cui è scandita nei volumi che compongono il manga);
  • il ritmo (veloce/lento, dinamico/statico, a saghe/con storie auto-conclusive, lineare/con flashback o flashfoward, una singola storia/più storie intrecciate);
  • la presenza di note del redattore/traduttore, di un editoriale, di un sommario, di un glossario oppure la loro assenza;
  • il finale (se il manga o il fumetto è completo).
  • Altri elementi importanti che possono essere analizzati sono la presenza di pagine a colori e di sovraccoperta o meno, la qualità della stampa e della carta, il rapporto qualità/prezzo. Da segnalare eventuali premi ricevuti dal manga, eventuali trasposizioni animate o cinematografiche (indicando ad opera di quale studio/regista).

Quali considerazioni personali dare?

Finita l’analisi, in poche righe si può spiegare perché si è deciso di recensire l’opera (ad es. se qualcosa vi ha incuriosito, come la copertina, i disegni, gli attori partecipanti, la trama in sé), se alla luce della sua analisi risulta meritevole oppure no, e se la consigliereste e a chi in particolare.
Meglio evitare un “fa schifo, non guardatevela/leggetela neanche sotto tortura”, o un “è meravigliosissima, dovete guardarvela/leggervela assolutamente”: anche nell’esprimere il vostro parere personale motivate il perché la consigliereste o meno, se ne siete rimasti soddisfatti, se invece a causa di determinate scelte che non condividete non vi è piaciuta e pertanto la ritenete evitabile.

A cosa fare attenzione in particolare?

State attenti al linguaggio, scrivete evitando abbreviazioni da sms, espressioni dialettali o scorrette. Per attirare l’attenzione una recensione deve essere scritta in maniera piacevole e scorrevole, ma anche e soprattutto comprensibile. Sulla lunghezza da adottare, è prettamente soggettivo: si può essere efficaci nello spazio di poche righe come aver bisogno di scrivere molto. L’importante è toccare tutti i punti che ritenete essenziali a far conoscere e comprendere l’opera che avete scelto, incoraggiarne la fruizione o al contrario metterne in guardia gli altri.
Si possono accompagnare le recensioni a delle immagini (la copertina del manga), o fare uso delle immagini per meglio sottolineare quanto analizzate.

(Visited 429 times, 2 visits today)
Pasquale Rasoli

Pasquale Rasoli

Nato a Cosenza il 20 Giugno dell’85 e residente a Genova da 26 anni. Con i fumetti ho imparato a leggere. Tutto è cominciato da lì. Sfogliando i vecchi fumetti della collana Oscar Mondadori, dedicati a personaggi dei fumetti degli anni ’50 e ho cominciato ad appassionarmi sin da subito allo stile del compianto Mort Walker. Crescendo, la passione per i fumetti mi ha spinto a conoscere sempre piu’ generi. Avrò avuto circa dieci anni, quando ho sfogliato il mio primo fumetto su Plastic Man della DC Comics, Tex della Sergio Bonelli Editore e il manga Go Ga Sha-Le Storie di Go Nagai. Generi e stili completamente diversi che mi hanno appassionato nel corso degli anni, e che continuano ad appassionarmi. La passione, sopratutto per il genere supereroistico americano della DC Comics e per i manga, mi hanno portato a trasmettere le mie conoscenze tramite riviste, introduzioni di fumetti, social network e le varie piattaforme web.